Siete pronti a perdervi nel Labirinto dell’arte?

Venerdì 29 maggio 2015 aprirà al pubblico il Labirinto della Masone: un sogno di pietra e bambù realizzato da Franco Maria Ricci, editore, designer e collezionista.

Per l’occasione sarà possibile visitare anche un’importante mostra curata da Vittorio Sgarbi e intitolata “Arte e follia”, con opere di Antonio Ligabue e Pietro Ghizzardi.


LABIRINTODopo dieci anni dal progetto iniziale, il Labirinto della Masone apre le porte al pubblico. La struttura copre 8 ettari di terreno nella campagna vicino a Fontanellato, è stata realizzata interamente con piante di bambù di specie diverse e i percorsi interni si snodano per tre chilometri.

All’interno sono ospitate la collezione d’arte di Franco Maria Ricci (che vanta circa 500 opere, dal XVI al XX secolo, di vari artisti tra i quali Wildt, Bernini, Carracci, Ligabue) e una biblioteca che raccoglie opere uniche di tipografia e grafica tra cui volumi di Giambattista Bodoni. Ma non è tutto: ci sono anche una piazza di 2000 metri quadrati per ospitare eventi, due ristoranti, un cappella a forma di piramide, una caffetteria e un bookshop.

Il costo del biglietto intero è di 18 €, è valido per un giorno e permette l’accesso all’intero complesso e alle collezioni d’arte e bibliofile. L’ingresso è gratuito per un accompagnatore di persona disabile. Sono previsti sconti per scolaresche e comitive.

Per prenotare: tel. 0521 827081, oppure l’indirizzo e-mail labirinto@francomariaricci.com

Per ulteriori informazioni visitate il sito http://www.labirintodifrancomariaricci.com/, o mandate una mail all’indirizzo: ricci@masone.parma.it

 

Condividi: